Capitolato Generale

Capitolato Generale


MORFOLOGIA E DIMENSIONAMENTO
Le costruzioni in progetto ricalcano i canoni tipologici caratteristici della Costa Smeralda, che si rifanno a loro volta agli edifici di tipo rurale dell’area mediterranea. La forma è articolata, al fine di meglio inserirsi nel lotto seguendone la pendenza.

STRUTTURA

  • Fondazioni con cemento con relativa armatura con barre di ferro ad aderenza migliorata e sotto-magrone per il piano di posa;
  • Muratura Piano Interrato perimetrale in cemento per muro contro terra, con relativa armatura con barre di ferro ad aderenza migliorata, dotato di camera d’aria, struttura portante in elevazione realizzata con pareti portanti in blocco cassero in legno-cemento, con polistirolo, di cm 25 ad elevato isolamento termo-acustico.

ISOLAMENTO
L’isolamento nei muri contro terra del piano interrato sarà assicurata dall’applicazione di una guaina liquida elastomerica impermeabilizzante, a base di copolimeri acrilici modificati in dispersione acquosa che, dopo l’essiccazione, forma una pellicola elastica e tenace, adeguatamente protetta con fondalina a bolle in pvc.

TRAMEZZATURA
Il divisori interni saranno realizzati con mattoni di laterizio forati.

CONTRO-SOFFITTI E VOLTE
Contro-soffitti e volte, ove previsti dal progetto, saranno realizzati con ferri sagomati e rete metallica.

PAVIMENTI
Le pavimentazioni sono in Biancone d’Orosei, sabbiato ed acidato, assemblato in moduli, con piastrelle di varia grandezza ma spessore costante, cm 2.
I rivestimenti dei bagni sono realizzati con piastrelle di dimensione 10×10 e spessore cm l e mosaico dello stesso marmo.

INFISSI
Infissi battenti e/o in legno meranti con sezione 58×95 mm (finestre e porte finestre), ferramenta con più punti di chiusura, maniglieria in Nichel satinato, vetro-camera 4/12/4 per piccole luci e 6-7/9/6-7 per luci al di sopra del metro quadro e/o vetri artistici colorati con tecnica a “cotisso” di Murano e vetro piatto , doppia guarnizione, zanzariera a tendina, persiane in legno meranti a stecche fisse con sezioni 45×95 mm e ferra menta in ottone, scuri in legno meranti, quest’ultimi ove previsti.
Infissi scorrevoli a scomparsa nella muratura, in legno meranti.
Portoncini d’ingresso in legno meranti, lavorato manualmente con pialla, come da disegno della direzione artistica di cantiere, serratura tipo “Sicur Top”, ferramenta anticata (chiodi da ribattitura, bandelle, pomoli, maniglie etc…).
Porte in legno massello di castagno e frassino, come da disegno della direzione artistica di cantiere, maniglieria anticata, coprifili nella stessa essenza, se previsti.

STIPITI, SOGLIE E DAVANZALI
Realizzati in granito “giallo S. Giacomo” lavorato a spacco, in Biancone d’Orosei sabbiato ed acidato e in cotto naturale.

INTONACI
Tutte le murature interne sono intonacate alla sarda; quelle esterne sono in parte intonacate alla sarda ed in parte rivestite con pietra a spacco e granito “giallo S. Giacomo”.

SISTEMAZIONI ESTERNE – GIARDINAGGIO
Particolare cura sara posta nella conservazione delle rocce e della vegetazione preesistenti, mentre s’interverrà, dove il terreno lo consente, con un riempimento di essenze ed arbusti locali tipici della macchia mediterranea, prato verde ed aiuole fiorite.

PARCHEGGIO RISERVATO
Il piano di lottizzazione prevede la creazione di parcheggi “condominiali” cioè di servizio all’intera lottizzazione, e parcheggi privati di appartenenza alla singola abitazione.
Il parcheggio è delimitato da un muro realizzato in pietra a spacco, alto circa 1,70 ml, con monoliti negli angoli che portano una copertura in legno con filagne di castagno.

PISCINA E SOLARIUM
La scelta formale dipende in primo luogo dalla collocazione in relazione all’abitazione. Poiché il terreno presenta una forte pendenza e poiché la villa si sviluppa su diversi livelli, nella volontà di seguire il naturale andamento del terreno, per tutto questo si è scelta la progettazione di due vasche separate a quote sfalsate.
La tecnica utilizzata è quella delle “vasche a sfioro”: l’acqua tracima continuamente lungo il bordo, raccolta dal canale di sfioro, per gravita viene convogliata in una vasca polmone detta “vasca di compenso”, posizionata sotto la vasca più grande ed in aderenza al locale tecnico.
La scelta di realizzare un bordo sfioratore presenta notevoli vantaggi:
il primo estetico, per l’impatto visivo dato dall’effetto specchio di questo tipo di piscina, il secondo di carattere tecnico, è rappresentato dalla migliore qualità dell’acqua, infatti in piscina lo strato d’acqua inquinata (da insetti, foglie, prodotti abbronzanti…), rimane in superficie, e tracimando continuamente nel canale di sfioro viene naturalmente eliminata.

PAVIMENTI E RIVESTIMENTI
Nei pavimenti delle verande e terrazze, prima della posa delle tubazioni, nelle parti esposte ad umidità di risalita, di infiltrazione e meteorica saranno opportunamente posti due strati di guaina bituminosa di spessore adeguato, saldata a caldo.
La pavimentazione del solarium è in Biancone d’Orosei, sabbiato ed acidato, assemblato in moduli, con piastrelle di varia grandezza ma spessore costante, cm 2, il rivestimento delle vasche è in mosaico di Biancone d’Orosei e bordi piscina in blocchi sagomati dello stesso marmo.

Il nostro sito web utilizza i cookie per migliorare i servizi e le esperienze offerte ai visitatori. La prosecuzione della navigazione ne comporta l’accettazione. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi